A cosa fare attenzione durante il trasferimento di un dominio

Come evitare disservizi e problemi in questa fase delicata

Il trasferimento di un dominio è un aspetto molto delicato e complesso e dipende dai servizi collegati al nome a dominio. In questo articolo vedremo che informazioni servono e come pianificare il trasferimento per scongiurare disservizi e perdita di dati importanti.

Prima di iniziare

E' importante individuare tutti i servizi che possono essere collegati al nome a dominio, come ad esempio quali sono le caselle e-mail che finiscono per @DOMINIO, quali sono i servizi web o applicativi che contengono il nome a dominio nella URL (es. il sito web principale).

Fatta questa breve ricerca ci troveremo probabilmente a gestire uno dei seguenti casi.

Dominio senza servizi collegati

E' il caso più semplice: un dominio a cui non è collegato nessun sito web, nessun servizio di posta e nessun servizio di rete in genere, in pratica si tratta di un dominio non utilizzato ma solo “parcheggiato” in attesa di essere utilizzato: non è necessaria nessuna attenzione particolare perché nella fase di trasferimento non si rischia di interrompere nessun servizio.

E' tuttavia opportuno verificare i dati di intestazione del dominio prima e dopo l'operazione per segnalare eventuali dati obsoleti da aggiornare, si veda:

Dominio con servizi di posta e/o servizi web

Se sul nome a dominio sono attivi dei servizi di posta o un sito web (fossero anche siti di terzo livello come blog.DOMINIO). Si deve prestare molta attenzione, sia per non avere dei disservizi sia per non rischiare di perdere dati.

Innanzitutto è necessario capire se i servizi di posta e web sono forniti dallo stesso soggetto che è anche Registrar (in genere è così nei piani di Hosting più semplici, spesso usati dai privati) o se web e posta sono gestiti da altri soggetti non collegati al Registrar (Se siete una azienda strutturata e di una certa dimensione può essere che i servizi siano differenziati su gestori diversi).

Effettuare una analisi di questo tipo può essere anche complesso e se non siete esperti potete chiedere una consulenza personalizzata bitName su identificare i soggetti che forniscono i servizi collegati al dominio:

Reperire informazioni DNS

Il primo punto importante è raccogliere le informazioni sui record DNS, questa attività è solo in parte predeterminabile, ad esempio posso immaginare che esista un record www.DOMINIO ma non posso sapere a priori se esiste anche un blog.DOMINIO piuttosto che ufficio.DOMINIO.

Il modo sicuro per ottenere una copia completa delle zone è richiedere il trasferimento AXFR, ma questo potrebbe essere complesso e a volte realmente non ne vale la pena, in genere è sufficiente l'accesso al pannello di gestione DNS attuale o in mancanza anche di screen-shot che riportino fedelmente la situazione della configurazione DNS

Impostando in anticipo la configurazione DNS sul nuovo gestore, non dovrebbero avvenire disservizi nel caso in cui servizi di posta e web sono gestiti da terzi.

Diversi record DNS opzionali utilizzati dai servizi di posta, potrebbero non arrecare un disservizio immediato ma creare problemi successivamente, consultare:

Di norma è sempre importante avvisare Webmaster e amministratore di rete dell'attività perché programmino le opportune attività di verifica e controllo per trasferire (se necessario) sito e servizi di posta.

Trasferire i servizi di posta

Se la posta è in Cloud, va fatta molta attenzione in fase di trasferimento in quanto richiede una o più sincronizzazione dei messaggi, si veda:

Oltre alla posta è importante verificare anche rubriche contatti, calendario appuntamenti o altri dati (come file) che il sistema di posta potrebbe fornire a corredo. Anche questi dati devono essere sincronizzati o copiati in quanto dopo il trasferimento potremmo non averne più accesso completo.

Trasferire i servizi web

Le operazioni necessarie per effettuare il trasferimento di un sito web dipendono dalla complessità del sito web e dalle tecnologie utilizzate. L'argomento è molto vasto sarà trattato in un approfondimento. I casi più semplici possono essere affrontati semplicemente copiando file e eventuale database, supponendo che il linguaggio di programmazione usato sia supportato dal web server di destinazione. I casi più complessi potrebbero riguardare siti che interagiscono con risorse esterne (API), utilizzano task programmati, sono composti da sottosezioni o terzi livelli.


Pubblicato il 12/04/2020

Con bitName controllo DNS completo

...

Difficoltà ad ottenere l'auth-info?

Può succedere di riscontare difficoltà ad ottenere l'auth-info di un dominio, questo allunga i tempi tecnici di trasferimento, scopriamo chi sono gli attori coinvolti.

...

Chi è il mio registrar?

Il soggetto che gestisce il nostro nome a dominio è un Registrar, come capire chi è e perché è importante conoscerlo.

...

Indicizzazione del sito web

Come far apparire il tuo sito sul motore di ricerca di Google. Ecco alcuni consigli per chi ha realizzato un nuovo sito.

Vuoi saperne di più su bitName? Contattaci subito!