Pubblicare il sito con WWW o senza WWW? | bitName Blog

Pubblicare il sito con WWW o senza WWW?

Valutare i pro e contro della pubblicazione di un sito con WWW o senza WWW

Pubblicare il sito con o senza WWW davanti?

Clienti, web-agency, comunicatori, sviluppatori si chiedono se sia meglio usare www sull'indirizzo del sito web oppure ometterlo.

Risposta breve: usare www davanti è consigliato, vediamo perché.

La URL ovvero l'indirizzo del sito web

L'indirizzo di pubblicazione del sito web, il cui acronimo è URL (Uniform Resource Locator), è composto da due parti:

  • protocollo (https://)
  • nome host (www.bitname.it)

nella forma completa la URL assume pertanto la forma tipica:

https://www.bitname.it

Protocollo

Oggigiorno il protocollo è quasi sempre quello sicuro https://, il browser potrebbe "nasconderlo" perché viene ritenuto superfluo e viene in sua "sostituzione" rappresentato da una icona (lucchetto) con varie declinazioni di colori e aspetto a seconda del browser.

Host

Il cuore della URL è il nome host, ed è quello che ci interessa, composto nei casi più cimuni da 3 parti, da destra a sinistra:

  • TLD (top level domain): nell'esempio .IT
  • nome a dominio (secondo livello): nell'esempio bitname
  • zona (terzo livello): nell'esempio www

Parliamo della zona WWW

La zona WWW è la parte oggetto dell'articolo. La zona è essenzialmente opzionale e libera, e non deve necessariamente essere www e addirittura può essere (previa opportuna configurazione del server web) omessa, quindi sono indirizzi validi:

esempio di indirizzo valido 1:

https://bitname.it

esempio di indirizzo valido 2:

https://my.bitname.it

Il primo esempio ha un aspetto "pulito" e essenziale, e sicuramente piacerà ai comunicatori, ma implica dei vincoli tecnici che è bene tenere conoscere prima di fare questa scelta. Il secondo esempio, con una zona diversa da www è spesso usato per applicativi backoffice.

Perché continuare a usare "www"?

Sicuramente per "consuetudine; www è l'acronimo di World Wide Web e contiene un significato implicito. Inoltre sappiamo bene quando sia difficile cambiare le consuetudini (pensiamo ad esempio a quanto appeal ha il .COM rispetto agli altri TLD nonostante siano di recente stati introdotti molti NEWgTLD).

C'è inoltre un motivo tecnico che potrebbe impattare sulla posta elettronica:

secondo le RFC un record cNAME non può coesistere con altri tipi di record, cosa vuol dire? che se per qualsiasi ragione, ad esempio perché a un certo punto della vita del sito ci viene chiesto di impostare l'indirizzo del sito web come cNAME, questo potrebbe avere delle incompatibilità con i servizi di posta del dominio stesso

Cosa ne pensano i browser?

Tutte queste disquisizioni possono e sono messe in discussione da scelte, per certi versi unilaterali, dei browser. Mi spiego; se Google Chrome (come annunciato) o altri browser, decidono di "nascondere" la zona "www" sulla barra dell'indirizzo perché la considerano "superflua" ecco che l'effetto finale è quello di vedere l'indirizzo "pulito" senza "www" anche se in realtà non sono state modifiche da parte del gestore del servizio.

L'omissione del carattere Root

Una cosa simile è succede già da molto tempo per il carattere "." (punto) alla fine dell'indirizzo Host. Provate a digitare:

https://www.google.it.

Notare il carattere "." alla fine! Funziona? Sì? Cosa significa?

Significa che ogni TLD inizia da una radice che è rappresentata dal punto "." ma siccome è apparso da subito superfluo, i browser lo hanno da subito nascosto.

D'altronde moltissimi utenti scrivono indirizzi URL nel campo del motore di ricerca, tanto da indurre a pensare che indirizzo e termine di ricerca siano valori intercambiabili...

Redirect

Ovviamente è bene tenere presente che una URL può fare Redirect verso un altro indirizzo, opportunamente configurando i servizi. Tralasciando i Redirect da indirizzi diversi, mantenendo l'esempio dell'articolo è bene tenere presente che esistono per i browser al momento 4 possibili URL di accesso:

  • http://www.bitname.it
  • https://www.bitname.it
  • http://bitname.it
  • https://bitname.it

Deciso quale sia l'indirizzo di pubblicazione del sito, è bene verificare di aver configurato opportunamente i Redirect degli altri tre indirizzi per portare al primo, impostando inoltre il corretto codice ai fini SEO.

Articolo relativo ai Redirect

Conclusioni

Per bitName è meglio continuare a usare "www" davanti per pubblicare i siti, almeno quando sullo stesso dominio ci siano anche servizi di posta elettronica. Tanto saranno i browser a nascondere questa "parolina" in futuro se questa sarà la tendenza.

Consigliamo, al momento, solo per progetti ben pianificati, dove eventualmente web e posta fanno riferimento a domini diversi, di utilizzare, sempre che sia desiderato, il sito su URL senza www.


Pubblicato il 17/03/2021

Ti è piaciuto l'articolo? Mettici alla prova

se hai una P.IVA paghi solo €1 il primo anno

Registra il tuo prossimo dominio con bitName

...

Lo stato del dominio ne impedisce il trasferimento

Cosa significa che lo stato del dominio ne impedisce il trasferimento? Ecco le casistiche più comuni e come intervenire per sbloccare la situazione.

Continua a leggere 17/03/2021
...

A cosa fare attenzione durante il trasferimento di un dominio

Il trasferimento di un dominio è un aspetto molto delicato e complesso e dipende dai servizi collegati al nome a dominio. In questo articolo vedremo che informazioni servono e come pianificare il trasferimento per scongiurare disservizi e perdita di dati importanti.

Continua a leggere 12/04/2020
...

Problema nel cambio DNS di CloudFlare su dominio .IT

Quando il cambio DNS non avviene causando l'impossibilità per CloudFlare di entrare in funzione.

Continua a leggere 17/03/2021